Articoli con tag FUNGHI

POLLO GLASSATO AL LIMONE CON TERRINA DI PATATE E FUNGHI


dsc04222dsc04225

Ingredienti per il pollo glassato

1 kg pollo (già pulito e tagliato a pezzi)

2 limoni (non trattati)

3 scalogni

1 ramoscello di rosmarino

4/5 foglioline di salvia

5/6 cucchiai di miele

q.b. olio evo

q.b. sale

q.b. pepe nero (macinato fresco)

1 pezzetto di burro

1 cucchiaio di amido di mais

Ingredienti per il contorno

4 patate medie (pasta gialla)

200 g funghi prataioli misti già puliti (non congelati)

4 spicchi di aglio (vestito)

1 rametto di rosmarino

q.b. olio evo

q.b. sale

q.b. pepe nero (macinato fresco)


Preparazione

Preparate il pollo: passate i pezzi su una fiamma per bruciare l’eventuale “peluria” rimasta sulla pelle, dopo di che lavateli con cura sotto acqua corrente ed asciugateli con carta assorbente.

Scaldate il miele sufficientemente per renderlo più liquido e spennellate abbondantemente i pezzi di pollo. Dopo di che lavate i limoni e tagliate a fettine sottilissime un limone, mentre l’altro lo spremete e mettete da parte il succo. Sbucciate gli scalogni e tagliateli a spicchi.

Munitevi di una teglia da forno, versate sul fondo un filo di olio evo e distribuitevi alcune fettine di limone. Adagiate poi i pezzi di pollo e spruzzatelo con il succo di limone, distribuite tra i pezzi di pollo gli spicchi di scalogno ed insaporite abbondantemente con sale, pepe ed un filo di olio evo. Ora prendete le fettine di limone restanti e mettetele qual e la nella teglia, poi suddividete il ramoscello di rosmarino i piccoli rametti e distribuiteli tra la carne assieme alle foglioline di salvia.

Cuocetelo in forno (preriscaldato) alla temperatura di 200°C per circa 45/50 minuti, girandolo almeno un paio di volte per farlo dorare su tutti i lati. Quando siete verso fine cottura, prelevate il liquido di cottura e gli scalogni dalla teglia e metteteli da parte per farne una salsa, proseguite quindi la cottura fino a quando il pollo sarà bello dorato e croccante.

Per la preparazione della salsa: raccogliete il liquido di cottura e gli scalogni in un pentolino, frullate tutto con un mixer ad immersione e portate ad ebollizione, aggiungete poi un pezzetto di burro, ed un cucchiaio di amido di mais (che farete sciogliere con una frusta) per addensare la salsa ed aggiustate di sale se necessario. Quando la salsa è ristretta spegnete il fuoco e mettetela da parte.

Nel frattempo preparate le patate: sbucciatele, risciacquatele e tagliatele a tocchetti non troppo piccoli.

Preparate i funghi: prendete i funghi già puliti e tagliateli a tocchetti.

In una ciotola mettete le patate ed i funghi ed insaporite con sale, pepe ed un filo di olio, mescolate delicatamente per condire accuratamente il tutto.

Prendete una terrina medio-grande (o 2 piccole per creare delle monoporzioni) e versatevi le patate ed i funghi ben conditi, mettete qua e là gli spicchi di aglio in camicia e qualche rametto di rosmarino per insaporire. Mette in forno (preriscaldato) alla temperatura di 200°C fino a doratura.

Quando il pollo sarà ben dorato levatelo dal forno, adagiatelo su un piatto da portata, prendete la salsa e nappate la carne. Accompagnate il tutto con il contorno di patate e funghi preparato.

, , , , , ,

2 commenti

SPECIALE “FACILE & GUSTOSO”: MINI-QUICHE AI FUNGHI


dsc04117

(Preparate con pasta sfoglia pronta)

Queste mini-quiche sono un’alternativa golosa ad un primo o un secondo piatto, si possono preparare per un buffet, un aperitivo o un brunch..

Sono semplici e veloci da preparare ed infatti, in pochi passi, riuscirete ad ottenere un risultato eccellente!! Provate e vedrete che stupirete i vostri commensali..

Ingredienti (per 4 quiche)

2 rotoli di pasta sfoglia rettangolare (pronta) da 230 g ciascuna

350 g funghi champignon (già puliti ed affettati sottilmente)

4 patate piccole

80 g pancetta dolce tagliata a listarelle

250 g mozzarella (per pizza)

2 uova

4 cucchiai di panna (da cucina)

2 cucchiai di parmigiano grattugiato

250 ml brodo vegetale

q.b. sale

q.b. pepe nero macinato fresco

q.b. olio extravergine di oliva

Vi servono inoltre 4 contenitori in carta forno da crostatina (dia. 10 cm)

Preparazione

Cominciate a preparare la pancetta croccante: prendete una padella larga antiaderente, aggiungete un filo d’olio ed accendete il fuoco, quando è bella calda unite la pancetta a listarelle e fatela rosolare bene.

DSC04084.JPG

Ora trasferite la pancetta in una ciotolina, lasciando però nella padella il grasso di cottura che vi servirà per insaporire i funghi. Scaldate quindi la stessa padella ed aggiungete i funghi affettati, fateli rosolare per qualche minuto, dopo di che unite il brodo caldo, un pizzico di sale, una bella macinata di pepe e fate cuocere per circa 15 minuti. Quando il brodo si sarà completamente asciugato ed i funghi rosolati, spegnete il fuoco.

DSC04086.JPG

A questo punto per facilitarvi il lavoro, potete prepararvi tutti gli ingredienti per la quiche:

  • in una ciotola unite i funghi rosolati e la pancetta;

  • in una ciotola amalgamate con una frusta: le uova, la panna da cucina, il parmigiano grattugiato, un pizzico di sale ed una macinata di pepe;

  • affettate sottilmente la mozzarella e mettetela in una ciotola;

  • sbucciate le patate, sciacquatele e tagliatele con una mandolina a fettine sottilissime (spessore minimo) e mettetele in una ciotola;

  • stendete i rotoli di pasta sfoglia su una spianatoia infarinata.

dsc04088

Su una spianatoia infarinata ricavate con un taglia-biscotti rotondo, del diametro poco superiore a quello degli stampi di carta forno (circa 1 cm in più), 4 dischetti e posizionateli all’interno degli stampini facendoli aderire bene al fondo ed i bordi. Con una forchetta bucherellate il fondo delle quiche.

dsc04090

Ora rivestite il fondo della quiche con le fettine di patate, sormontandole un pochino una all’altra.

DSC04093.JPG

Disponete poi alcune fettine di mozzarella sul letto di patate.

dsc04095

Disponete sopra alla mozzarella un paio di cucchiaiate del misto funghi e pancetta, distribuendoli in modo omogeneo.

DSC04097.JPG

Versate sopra la farcia un paio di cucchiai della miscela di uova e panna preparata precedentemente.

DSC04099.JPG

Con l’aiuto di una rotellina dentellata, ricavate dai ritagli di pasta sfoglia avanzata, 7-8 striscette per ciascuna tortina e guarnite la quiche come una crostatina. Tagliate la pasta in eccesso ai punti di chiusura delle striscette ai bordi della quiche).

dsc04102

Ritagliate poi delle striscette larghe 1 cm e lunghe circa 8 cm e create delle roselline che posizionerete al centro della quiche.

dsc04106

Infornate in forno preriscaldato alla temperatura di 180-200°C per 35/40 minuti circa. Quando le quiche saranno dorate levatele e lasciatele riposare 5/10 minuti prima di sformarle dagli stampi.

dsc04117

, ,

14 commenti

PACCHERI DI GRAGNANO AI FUNGHI PORCINI E PASTA DI SALAME


dsc03978

L’ autunno è arrivato… e porta con se i profumi ed i frutti della terra. Il bosco ci offre quanto di più pregiato e gustoso c’è in questa stagione: il fungo porcino. Eccovi un piatto semplice e gustoso che non passa mai di moda!!

DIFFICOLTA’: FACILE
PREPARAZIONE: 15 MINUTI
COTTURA: 20 MINUTI

Ingredienti (per 2 persone)

200 g     paccheri di Gragnano

q.b.       sale grosso

4/6         funghi porcini (media grandezza, puliti e tagliati a fette non troppo sottili)

100 g     pasta di salame

½           bicchiere di vino bianco

½           bicchiere di brodo vegetale leggero (non carico di sapore)

120 ml   panna da cucina

q.b.       sale

q.b.      pepe nero macinato fresco

1           spicchio di aglio vestito

q.b.      olio e.v.o.

Preparazione

Fate scaldare in una padella larga un filo d’olio e.v.o, unite lo spicchio di aglio vestito (non sbucciato, per fare in modo che il gusto non sia troppo aggressivo e copra il sapore del piatto) e lasciate insaporire l’olio per pochissimo tempo, poi levatelo immediatamente prima che scurisca.

Nell’olio che ancora sfrigola, buttate la pasta di salame sbriciolata e lasciatela dorare appena mescolando bene per non farla agglomerare.

Aggiungete poi i funghi porcini e fateli rosolare a fuoco vivace, dopo di che, aggiungete il vino (opportunamente riscaldato, per non abbassare la temperatura) e fate sfumare per qualche minuto.

Unite infine il brodo caldo, la panna (riscaldata) ed insaporite con pepe ed un pizzico di sale, solo se necessario infatti, prima di aggiungere il sale, assaggiate la salsa perchè la pasta di salame è molto saporita ed avrà già conferito sapidità al sugo.

Fate cuocere per alcuni minuti il sugo fino a quando la salsa non si sia leggermente addensata (non fate però asciugare troppo il sugo).

Nel frattempo, in una pentola, portate a bollore dell’abbondante acqua salata e mettete a lessare i paccheri (ci vorranno circa 13 minuti).

Scolateli al dente e fateli saltare nella padella con con il sugo di porcini e pasta di salame, che avrete opportunamente rimesso sul fuoco prima di buttarvi i paccheri. Se la salsa risultasse troppo asciutta, mentre saltate i paccheri aggiungete in padella qualche cucchiaio di acqua di cottura; servite infine i paccheri con un filo di olio e.v.o. a crudo.

, , ,

2 commenti

RISOTTO PRATAIOLI E TARTUFO IN CONCHIGLIA DI PARMIGIANO


DSC03884

Ingredienti (per 2/3 persone)

250 g        riso Carnaroli

1               cipolla (bianca)

1               bicchiere di vino bianco secco (di ottima qualità)

500 ml      brodo vegetale (leggero)

q.b.           burro

q.b.           sale

q.b.           olio e.v.o.

q.b.           pepe nero (macinato fresco)

q.b.           parmigiano grattugiato (abbondante per la preparazione delle conchiglie di parmigiano + un po’ per la mantecatura)

q.b.           tartufo nero

Per i funghi saltati

300 g               funghi prataioli (interi da pulire)

1/2                   bicchiere circa di vino bianco secco

1                      spicchio di aglio sbucciato

q.b.                  olio e.v.o.

q.b.                  burro (circa 40 g)

q.b.                  sale

q.b                   pepe macinato fresco

Preparazione

Preparate le conchiglie di parmigiano: munitevi di una padella antiaderente, nel centro fate scendere un po’ di parmigiano grattugiato, livellatelo con un cucchiaino ed infine mettete a scaldare la padella. Quando il formaggio comincia a fondere e fare le bollicine, spegnete il fuoco e fate raffreddare un attimo. Sollevate la vostra cialda ancora morbida, staccatela con un coltello affilato dalla padella ed appoggiatela su di una ciotolina di vetro rovesciata, dandogli la forma di una conchiglia (preparatene una per porzione). Lasciate raffreddare completamente e vedrete che indurendosi, prenderà la forma che desiderate.

Ora preparate i funghi saltati, da aggiungere al risotto: mondate, pulite ed affettate finemente i funghi e mettete da parte. Scaldate in una padella antiaderente qualche cucchiaio di olio e.v.o., aggiungete l’aglio e lasciate insaporire l’olio, prima che scurisca, levatelo. Unite i funghi, salate, pepate, aggiungete il vino (riscaldato per non arrestare la cottura) e fate sfumare. Fate saltare i funghi in padella per qualche minuto (lasciateli croccanti perché dovranno cuocere ancora con il risotto).

Potete cominciare a preparare il risotto: mettete il brodo sul fuoco a fiamma medio/alta. In una casseruola a bordi alti cominciate a tostare il riso con una noce di burro. Una volta tostato il riso mettetelo da parte trasferendolo momentaneamente in una ciotola. Nella casseruola ora aggiungete un filo di olio e.v.o. e fate soffriggere la cipolla tritata molto finemente. Aggiungete un cucchiaio di acqua calda e fate stufare la cipolla portandola così a fine cottura. Ora aggiungete il riso tostato e fate insaporire per qualche minuto, dopo di che, unite il vino (riscaldato) e fatelo sfumare. NB: questa operazione va fatta sempre su fiamma vivace in quanto l’alcool evaporerà con facilità. Fatto questo passaggio, unite i funghi saltati e mescolate con cura per amalgamare bene il tutto; ora potete cominciare ad aggiungere il brodo, mi raccomando un mestolo per volta, sempre mescolando con una spatola. Un accorgimento: quando sarete quasi a fine cottura (dopo circa 18 min.), non aggiungete troppo liquido altrimenti Vi ritroverete un risotto cotto a puntino ma ancora troppo lento. Quando il riso è ancora al dente, spegnete il fuoco e passate alla mantecatura del riso. Aggiungete una noce di burro ed il parmigiano grattugiato e continuate a mescolare. Ora il risotto è pronto. Servitelo nella cialda di parmigiano e guarnite con alcune lamelle di tartufo tagliato al momento.

,

2 commenti

LASAGNE CON RAGU’ DI FUNGHI E SALSICCIA


DSC03860okDSC03864 ok

Ingredienti per 4/6 persone          

 250 g     sfoglia fresca per lasagne (senza necessità di sbollentatura)

q.b.       parmigiano grattugiato

q.b.       sale         

q.b.       pepe

Per la besciamella

50 g       burro

50 g       farina

500 ml   latte fresco

q.b.       sale e noce moscata

Per il ragù

500 g     funghi misti freschi

3/4         salsicce

1            bicchiere colmo di vino bianco

1            bicchiere colmo di brodo vegetale

1            tazza colma di verdure miste per soffritto tritate finemente (carota, cipolla, sedano)

2/3         cucchiai di concentrato di pomodoro

q.b.       sale e pepe

q.b.       olio e.v.o.

q.b.       burro

Procedimento

Preparate la besciamella: in una casseruola sciogliete il burro, unitevi la farina a tostare per un attimo fino a quando non sentite che sfrigola appena e si stacca dalle pareti della casseruola. Versate poi a filo il latte che avrete scaldato precedentemente, salate (2 pizzichi), insaporite con la noce moscata e cuocete la salsa fino a quando non si sarà addensata.

Preparate il ragù di funghi: tritate finemente i funghi e mettete da parte. Nel frattempo scaldate un filo d’olio e.v.o. in una casseruola (con fondo spesso) ed unite le verdure per il soffritto, fate rosolare per qualche minuto dopo di che aggiungete la salsiccia (alla quale avrete tolto la pelle) sbriciolata finemente. Fatela rosolare, aggiungete il vino e fate sfumare. Unite infine i funghi, il brodo nel quale avrete sciolto il concentrato di pomodoro ed insaporite con pepe ed un pizzico di sale (se non avete dimestichezza con la salatura dei cibi, non esagerate con il sale all’inizio della cottura, perché essendoci già la salsiccia, la preparazione non necessiterà di molto sale, ed inoltre, durate la cottura, il ragù aumenterà pian piano di sapidità, pertanto, se verso la fine vi accorgete che non è salato al punto giusto, aggiustate di sale). Lasciate cuocere a fuoco lento per circa 1 ora, quando il sugo avrà raggiunto la consistenza di un ragù togliete dal fuoco.

Preparate la lasagna: munitevi di una teglia, imburratela e versatevi sul fondo un cucchiaio di besciamella ed un cucchiaio di ragù e distribuite il composto uniformemente sul fondo. Adagiate alcune sfoglie di pasta (tagliate a misura), versate con un mestolo la besciamella, e distribuitela uniformemente con un cucchiaio, versate vi sopra qualche cucchiaio di ragù, e cospargetevi sopra dell’abbondante parmigiano grattugiato. Ripetete il procedimento fino ad arrivare al bordo della teglia; sull’ultimo strato abbondate col il parmigiano e cospargete con dei fiocchetti di burro. Infornate le lasagne in forno preriscaldato alla temperatura di circa 200-180 °C per 35/40 minuti e quando si saranno ben dorate, levatele dal forno e lasciatele riposare per 10 minuti prima di tagliarle.

, ,

Lascia un commento

POLLO ARROSTO CON PATATE E CHAMPIGNON


DSC03589

Se pensiamo ad un piatto semplice, gustoso che ci riporta alla tradizione e al pranzo della domenica, stiamo parlando del pollo arrosto. Un favoloso secondo che ci riporta all’infanzia, è sempre stato e credo che lo sia ancora, il re del pranzo in famiglia. Oggi ho voluto reinterpretare questo piatto classico della cucina italiana con una ricetta facile ed efficace. Amici, provatelo perché vi lascerà letteralmente a bocca aperta!

RICETTA ILLUSTRATA

Ingredienti pollo arrosto

800 g               pollo (busto) già pulito

1                     limone non trattato

q.b.                  rosmarino fresco (del mio orto)

q.b.                  erba salvia fresca (del mio orto)

3                      spicchi di aglio (sbucciato)

q.b.                  olio extra vergine di oliva

q.b.                  burro ammorbidito – circa 60/80 g

q.b.                  sale

q.b.                  pepe macinato fresco

Ingredienti funghi rosolati

500 g               funghi champignon (interi da pulire)

1/2                   bicchiere circa di vino bianco secco

2                      spicchi di aglio sbucciato

q.b.                  olio extra vergine di oliva

q.b.                  burro (circa 40 g)

q.b.                  sale

q.b                   pepe macinato fresco

Ingredienti patate saltate

4-6                  patate medie (pasta gialla)

1/2                   bicchiere brodo vegetale

2                      spicchi di aglio sbucciato

q.b.                  olio extra vergine di oliva

q.b.                  sale

q.b                   pepe macinato fresco

Preparazione

Preparate il pollo: passatelo su di una fiamma per bruciare l’eventuale “peluria” rimasta, dopo di che lavatelo con cura sotto acqua corrente sia esternamente che internamente, asciugatelo poi con carta assorbente.

Preparate un trito aromatico con rosmarino, erba salvia, aglio e mettete da parte il tutto in una ciotolina.

Strofinate mezzo limone su tutta la superficie del pollo (dentro e fuori).

DSC03573

Insaporite accuratamente la cavità interna del pollo con sale, pepe e un pochino di trito aromatico, inserite infine il mezzo limone nella cavità del pollo.

DSC03574

Preparate un burro aromatico amalgamando con cura il burro (quasi in pomata) con il trito aromatico, tre pizzichi di sale ed il pepe. Dopo di che, spalmate tutta la superfice del pollo con il burro preparato, praticando un vero e proprio massaggio (passate il burro anche sulle alette e sulle cosce, non dimenticatevi, il burro donerà alla pelle una maggiore croccantezza). Cospargete infine il pollo impomatato con ulteriore sale e pepe. Legate poi le cosce del pollo, per chiudere la cavità addominale, avvolgendole con uno spago da cucina.

Versate in una teglia 2-3 cucchiai di olio, adagiate il pollo e cuocetelo in forno preriscaldato alla temperatura di circa 200°C per circa 45 minuti dopo di che giratelo. Continuate la cottura per altri 45 minuti circa e rigiratelo e continuate la cottura fino alla doratura desiderata (per altri 20 minuti).

DSC03586

Preparate i funghi: ripulite i funghi tagliando la base del gambo sporca di terra, dopo di che prelevate il gambo dal cappello del fungo ed infine con un coltellino eliminate la pellicina del cappello del fungo partendo dalla spugna e vedrete che si solleverà con facilità.

DSC03579

Affettate finemente tutte le parti dei champignon e mettete da parte.

DSC03580

Scaldate in una padella antiaderente qualche cucchiaio di olio e.v.o., aggiungete l’aglio e lasciate insaporire l’olio, prima che scurisca, levatelo. Unite i funghi, salate, pepate, aggiungete il vino (riscaldato per non arrestare la cottura) e fate sfumare. Cuocere i funghi saltandoli in padella fino a quando non saranno ben rosolati.

DSC03581

Preparate le patate: sbucciate, risciacquate le patate e tagliatele a cubetti non troppo grandi.

DSC03582

Scaldate in una padella antiaderente qualche cucchiaio di olio e.v.o., aggiungete l’aglio e lasciate insaporire l’olio, prima che scurisca, levatelo. Unite le patate, salate, pepate, aggiungete il brodo (riscaldato per non arrestare la cottura). Cuocere le patate saltandole in padella fino a quando non saranno cotte, ma non troppo tenere.

DSC03584

Munitevi infine di una teglia bella larga, ungetela con un filo di olio e.v.o. ed adagiate patate e funghi, uniti assieme, con i loro succhi di cottura. Create uno spazio nel centro, adagiate il pollo cotto, versate sopra il pollo il suo liquido di cottura e rimettete il tutto in forno per circa 15-20 minuti, di modo che le patate si doreranno ed i sapori si amalgameranno tra loro. Passato il tempo per la doratura finale, toglietelo dal forno, servitelo su un piatto da portata ed attorniatelo con le patate ed i funghi.

Buon appetito!!!!

DSC03589

, , , , ,

3 commenti

CAPODANNO IN BAITA: STUFATO CON POLENTA


Ingredienti (per 6/8 persone affamate)

1800 g     manzo (cappello del prete/fesa) tagliato a grossi cubetti (4/5 cm per lato)

6/8            verzini

350 g        luganega

150 g        pancetta tesa a cubetti

3               carote

2               gambi di sedano

1               cipolla (grande) di tropea

10             cipolline borettane già pulite

800 g        funghi prataioli giù puliti ed affettati

1               mazzetto di prezzemolo (tritato finemente)

600 ml      vino rosso

½             bicchiere di vino bianco

600 ml      brodo di carne

1               bicchiere di brodo vegetale

2               spicchi di aglio

1               bouquet aromatico (*)

140 g        concentrato di pomodoro

500 g        farina gialla per polenta tipo “bramata”

q.b.           sale

q.b.           pepe in grani macinato fresco

(*) Fate un mazzolino con dell’erba salvia, qualche ramoscello di rosmarino e qualche fogliolina di alloro, impacchettatelo con una foglia di porro e legate poi il tutto con dello spago da cucina.

Preparazione

Preparate la carne: asciugate bene i cubetti di carne e passateli nella farina. Dopo di che, rosolateli in una padella antiaderente con un filo di olio e.v.o. , condite infine con sale e pepe. Trasferite poi la carne dorata in una casseruola. Rosolate con un filo di olio, nella stessa padella nella quale avete cicatrizzato la carne, la pancetta e poi trasferitela assieme alla carne.  Deglassate il fondo di cottura (della padella in cui avete rosolato la carne e la pancetta) con il vino rosso caldo e portate a bollore (utilizzate un cucchiaio di legno od una spatola per deglassare il fondo di cottura). Versate la salsa calda sulla carne nella casseruola ed unite il concentrato di pomodoro, il bouquet aromatico, l’aglio spremuto, il misto di carote, sedano e cipolla,  il brodo ben caldo e regolate di sale e pepe. Fate cuocere su fuoco basso (con coperchio) per circa 2 ore e 50 minuti mescolando di tanto in tanto, al raggiungimento della cottura, la carne dovrà essere morbida.  Mentre lo stufato è in cottura provvedete a lessare la luganega ed i verzini in acqua bollente per circa 15-20 minuti, bucherellandone la pelle per sgrassarli, ed una volta pronti, metteteli da parte anch’essi.

Nel frattempo preparate funghi e cipolline per lo stufato. Fate scaldare un filo di olio e.v.o. in una padella antiaderente e fate saltare i funghi, unite poi il vino bianco e fate sfumare per qualche minuto, salate, pepate, aggiungete il prezzemolo e lasciate cuocere fino a quando i funghi non saranno dorati (circa 15-20 minuti). Preparate le cipolline facendo scaldare in una padella antiaderente un filo di olio e.v.o., aggiungete le cipolline, fatele saltare per qualche minuto dopo di che aggiungete il brodo vegetale caldo, salate, pepate e portatele a cottura. Una volta pronti funghi e cipolline, mettete tutto quanto da parte.

Ora separate la carne dello stufato dal liquido con l’aiuto di una schiumarola e mettetela da parte in caldo, a questo punto create la salsa frullando il liquido dello stufato con un frullatore ad immersione (dopo aver eliminato il bouquet aromatico) fino ad ottenere una salsa densa ed omogenea. A questo punto, potete unire il tutto: aggiungete alla salsa : la carne, la luganega, i verzini, i funghi e le cipolle cotte precedentemente. Amalgamate bene il tutto con un cucchiaio, tenendo la pentola sul fuoco al minimo per mantenere caldo lo stufato.

Consiglio: per le cotture prolungate, utilizzate un fuoco medio/basso, avendo cura di mescolare di tanto in tanto. Inoltre, la carne dovrà essere tagliata a cubetti di grandi dimensioni, molto più grandi di un normale spezzatino, altrimenti, se farete dei pezzi troppo piccoli, si “scioglieranno” in cottura.

 

Preparazione polenta

Fate bollire due litri d’acqua, salatela ed, appena alzerà il bollore, versatevi la farina gialla mescolando bene e facendo attenzione a non far grumi. Lasciatela  cuocere, senza mai smettere di mescolare, per 50 minuti. Io personalmente quando faccio la polenta, ne preparo sempre una quantità superiore rispetto a quella necessaria per accompagnare il mio piatto, in quanto la parte che avanza può essere impiegata i vari modi: tagliata a fette e passata in forno con gorgonzola e altri formaggi, a cubetti e poi fritta, rosolata in forno a utilizzata come base per ragù di selvaggina, affettata sottilmente ed impiegata per fare delle lasagne con sugo e besciamella…. Insomma….la polenta si presta davvero per una miriade di preparazioni….un’altro ingrediente che assolutamente non può mancare è la vostra fantasia!!

 

, , , , ,

2 commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: