Articoli con tag MELE

SPECIALE CARNEVALE: TUTTI PAZZI PER I FRITTI!


dsc04213dsc04239

Se a carnevale non si frigge un po’ non è carnevale!! Ecco due ricette semplici e ghiotte per rendere ancora più allegre le feste tra amici…ed i bimbi impazziranno per questi dolcetti…semplicità e tradizione in un boccone!!

BOMBETTE CON MELE E UVETTA

Ingredienti (per 6 persone)

80 g zucchero semolato + un po’ (per spolverizzare)

500 g farina 00

3 uova (a temperatura ambiente)

4 cucchiai di grappa

½ baccello di vaniglia (la polpa)

2 limoni (vi servirà: la buccia grattugiata di 2 limoni + il succo di ½ limone)

1 pizzico di sale

300 ml latte

25 g lievito di birra (fresco)

3 mele

100 g uvetta essiccata

1 l olio per friggere (olio di semi di arachide)

Preparazione

Sciogliete il lievito nel latte tiepido, setacciate poi la farina e raccoglietela in una ciotola, unite lo zucchero semolato, la scorza dei limoni, la polpa della vaniglia ed il pizzico di sale. Rompete poi le uova ed unitele alla farina, una alla volta e cominciate a mescolare con una frusta il composto diluendolo con il latte versato a filo. Quando il composto è ben amalgamato, coprite la ciotola con della pellicola e lasciate riposare per circa 1 ora (a temperatura ambiente).

Nel frattempo mettete a bagno l’uvetta per farla rinvenire.

Sbucciate e tagliate le mele a cubetti (minuscoli: 1 cm circa), mettetele poi in una ciotola e spruzzatele con il succo di ½ limone (per evitare che si ossidino nell’attesa), spolverizzatele infine con un paio di cucchiai di zucchero semolato.

Passato il tempo di riposo, riprendete l’impasto, aggiungete l’uvetta ben strizzata, la grappa e le mele a cubetti. Mescolate fino ad ottenere un composto omogeneo. Ricoprite ancora con la pellicola e lasciate riposare per altri 30 min.

A fine riposo, prelevate delle cucchiaiate di impasto (CONSIGLIO: personalmente ho utilizzato l’attrezzo che si usa per fare le palline di gelato, infatti le frittelle sono venute tutte della stessa dimensione; comunque se non l’avete, il cucchiaio va bene purché abbiate l’accortezza di prelevare per ogni frittella più o meno la stessa quantità di impasto per un risultato più omogeneo) ed immergetelo in abbondante olio per friggere alla temperatura di 170°C fino a che le frittelle saranno gonfie e dorate (giratele almeno una volta per una cottura uniforme). Man mano che si cuociono, levatele dall’olio con una schiumarola e mettetele a scolare su della carta assorbente da cucina per fare in modo che si asciughino perfettamente, preparatevi poi una ciotola con dello zucchero semolato e rotolatele nello zucchero con delicatezza senza schiacciarle.

CHIACCHIERE

Ingredienti (per 3 vassoi di media grandezza)

80 g burro

120 g zucchero a velo + un po’ per spolverizzare

800 g farina 0

170 g uova intere

60 g tuorli

12 g lievito chimico

80 g latte fresco

8 g sale

2 limoni (solo la scorza grattugiata)

1 arancia (solo la scorza grattugiata)

1 bacca vaniglia bourbon

20 g aceto

1 l olio per friggere (olio di semi di arachide)

Preparazione

Impastate in una ciotola larga la farina setacciata con il lievito, lo zucchero a velo, le uova ed i tuorli sbattuti insieme, il latte, l’aceto ed il sale. Non lavorate troppo l’impasto, unite solo gli ingredienti. Dopo di che aggiungete il burro ammorbidito poco per volta cercando di farlo amalgamare bene all’impasto, alla fine unite la polpa della vaniglia e la scorza degli agrumi. Lasciate riposare la pasta in frigorifero per una notte intera (quindi potete preparare l’impasto la sera prima, lasciarlo riposare tutta la notte ed il mattino seguente potete stendere la pasta e friggere le chiacchiere). Passato il tempo di riposo, stendete la pasta molto sottile (1 mm circa) ritagliate con una rotella dentellata dei rettangoli, praticate il classico taglio centrale tipico delle chiacchiere e friggetele in una pentola larga e profonda (che utilizzate solitamente per le fritture) con olio bollente girandole almeno una volta fino a doratura. Fate attenzione perché cuoceranno molto in fretta, se vi rendete conto che le chiacchiere scuriscono troppo velocemente, tenete sotto controllo la temperatura dell’olio (circa 160°-170°C) ed abbassate la fiamma se necessario, esse dovranno essere leggermente dorate, non imbrunire. Una volta pronte, mettetele ad asciugate sulla carta assorbente da cucina e spolverizzatele con dello zucchero a velo.

dsc04218dsc04243

 

, , , ,

Lascia un commento

RISOTTO CON GUANCIALE, MELE E ROSMARINO


dsc03996

Ingredienti (per 2/3 persone)

DIFFICOLTA’: FACILE

PREPARAZIONE: 15-20 MINUTI

COTTURA: 20 MINUTI

250 g riso Carnaroli

2 cipollotti

1 bicchiere di vino bianco secco (di ottima qualità)

1 l brodo vegetale (leggero, preparato con 1 carota, 1 cipolla, 2 coste di sedano, 1 pizzico di sale e qualche grano di pepe)

2 mele golden

150 g guanciale (tagliato a listarelle non troppo sottili)

2 cucchiai di rosmarino fresco (tritato finemente)

1 noce di burro (per mantecare)

q.b. sale

q.b. olio evo

q.b. parmigiano reggiano grattugiato (per la mantecatura)

Preparazione

Mettete il brodo sul fuoco a fiamma medio/alta per portarlo a bollore. Intanto, in una casseruola a bordi alti tostate il riso per qualche minuto con un filo di olio evo. Una volta tostato il riso, tenetelo da parte fino all’utilizzo.

In una casseruola bella larga versate un filo di olio evo e fate soffriggere i cipollotti tritati molto finemente. Aggiungete poi il guanciale e fatelo dorare, unite poi le mele tagliate a cubetti molto piccoli e continuate a mescolare il tutto facendo rosolare leggermente le mele. Ora aggiungete il riso tostato e fate insaporire per qualche minuto, dopo di che, unite il vino (riscaldato, per mantenere la temperatura) e fatelo sfumare (questa operazione va fatta sempre su fiamma vivace in quanto l’alcool evaporerà con facilità).

Fatto questo passaggio, aggiungete il brodo, mi raccomando un mestolo per volta, sempre mescolando con una spatola. Un accorgimento: quando sarete quasi a fine cottura (dopo circa 18 min.), non aggiungete troppo liquido altrimenti vi ritroverete un risotto cotto a puntino, ma ancora troppo lento.

Aggiungete poi il rosmarino tritato e mescolate con cura.

Verso fine cottura, quando il riso è ancora al dente, spegnete il fuoco e passate alla mantecatura del risotto: aggiungete una noce di burro ed il parmigiano grattugiato (assaggiate ed eventualmente aggiustate di sale se necessario), e continuate a mescolare.

Ora il risotto è pronto, impiattatelo in un bel piatto largo, battete sul fondo per farlo allargare ed infine guarnitelo con un rametto di rosmarino per decorare.

, ,

2 commenti

COSCIA DI MAIALE MARINATA ALL’ARANCIA CON CONTORNO DI MELE E PATATE SALTATE


8 Piatto

Ingredienti

1          trancio (spessore circa 5 cm) ricavato da coscia di maiale,

con cotenna ed osso centrale

4          arance (il succo)

1          bicchiere colmo di vino bianco secco

1          scalogno

2          spicchi di aglio (svestito)

2/3       rametti di rosmarino

4/6       foglioline di erba salvia

q.b.      sale

q.b.      olio e.v.o.

q.b.      pepe nero macinato fresco + alcuni grani

4          cucchiai di miele d’acacia (+ un po’)

3          chiodi di garofano

6          bacche di ginepro

1          cucchiaio di amido di mais (se necessario, per addensare la salsa)

Per il contorno

6          patate medie (pasta gialla)

4/5       mele

q.b.      olio e.v.o.

q.b.      sale

q.b.      pepe macinato fresco

1          spicchio d’aglio (svestito)

Preparazione

Preparate la marinata: spremete le arance e ricavatene il succo, tagliate grossolanamente lo scalogno e tagliate a metà gli spicchi d’aglio. Munitevi poi di un recipiente con coperchio ed adagiate la fetta intera di coscia nel recipiente, unite del sale, il miele, pepe in grani, aglio, scalogno, bacche di ginepro, chiodi di garofano, rosmarino, salvia, condite con dell’olio e.v.o. e massaggiate accuratamente la carne per fare in modo che tutti gli odori e le spezie penetrino nelle fibre; irrorate infine con il succo d’arancia (tenetene da parte un paio di cucchiai che vi serviranno per preparare la salsa di accompagnamento). Mettete il coperchio e lasciate insaporire la carne nella marinata (in frigorifero) per almeno 4/6 ore.

1 Marinata

Passato il tempo necessario, sgocciolate accuratamente la carne e filtrate la marinata dalle erbe aromatiche e gli odori (tenetela da parte fino all’utilizzo). Togliete la carne dal frigorifero un’ora prima di cuocerla.

2 Sgocciolare carne

In una padella larga coi bordi alti, versate dell’olio e.v.o. e fate scaldare. Quando la padella sarà ben calda, fate cicatrizzare la carne su tutti i lati, rosolando bene tutta la superficie fino a quando non avrà raggiunto una bella doratura (compresa la cotenna).

3 Dorare

Unite il vino, che avrete opportunamente riscaldato prima di versarlo per non fermarne la cottura, e fate sfumare senza coperchio.

4 Agg. vino

Aggiungete infine la marinata filtrata (riscaldata).

5 Agg. Marinata

Insaporite abbondantemente con sale e pepe macinato fresco.

6 Insaporire

Fate cuocere a fuoco basso per circa 40/45 min. (con coperchio) avendo l’accortezza di irrorare spesso la carne con il liquido. Verso la fine della cottura togliete il coperchio e lasciate restringere un po’ il fondo di cottura.

Nel frattempo preparate le patate e le mele saltate: sbucciate e tagliate a cubetti mele e patate. In una padella larga versate dell’olio e.v.o. e lasciate scaldare, aggiungete uno spicchio d’aglio e fate insaporire per qualche minuto. Levatelo ed infine unite le patate e le mele a cubetti. Insaporite con sale e pepe e lasciate cuocere saltandole nella padella fino a quando non saranno belle tenere e dorate.

7 Patate

Raggiunta la cottura della carne, levatela dalla padella, recuperate il fondo di cottura e mettetelo da parte per farne una salsa di accompagnamento. Nella padella in cui avete cucinato la carne, rosolate per qualche minuto solo la parte della cotenna che, per via della cottura nel liquido, sarà diventata morbida, essa dovrà diventare croccante. Dopo questo passaggio, mettete la carne a riposare per qualche minuto sul tagliere in modo che i succhi si ridistribuiscano all’interno delle fibre.

Nel frattempo preparate la salsa d’accompagnamento. Mettete a scaldare il fondo di cottura in una casseruolina ed aggiungete 1 cucchiaino di miele, 2 cucchiai circa di succo d’arancia; dopo di che assaggiate ed aggiustate di sale se necessario. Fate restringere la salsa per qualche minuto fino (se dovesse risultare troppo liquida, unite un cucchiaio di amido di mais e fatelo sciogliere accuratamente).

Preparate il piatto: tagliate la carne a cubetti abbastanza grandi, adagiate i cubetti su un piatto con la cotenna croccante rivolta verso l’alto, irrorate con la salsa preparata ed accompagnate la carne con le patate e le mele saltate.

8.1 piatto

, , , ,

5 commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: